www.visitportugal.com

Live Chat

La notte di Lisbona e Porto

Lx Factory

Il Portogallo visto da... Condé nast Traveler

Quando il crepuscolo stende il suo manto sulla città delle Sette Colline, e quando lo sferragliare dei tram ormai non si sente quasi più, Lisbona si prepara per mostrare il suo volto più versatile ed eclettico. La notte della capitale portoghese è in grado di soddisfare i nottambuli più esigenti: terrazze panoramiche chill out da dove contemplare la magiche tonalità del cielo all’imbrunire, discoteche per danzare al ritmo della musica elettronica più recente d’ Europa, una area industriale dove incontrare artisti, al più puro stile berlinese, o casas de fado tradizionali, ma allo stesso tempo moderne, per immergersi nella cultura portoghese del fado e della “saudade”. Tutto questo è possibile in questa città malinconica di giorno, ma allegra e vivace come poche altre di notte.

Cais do Sodré, la notte vagabonda
Un’antica zona dove pullulavano bar equivoci e case da gioco che richiamavano i marinai alla ricerca di una notte di svago e di braccia fra cui perdersi dopo mesi di dura navigazione, che al giorno d’oggi si è trasformata in uno dei luoghi più affollati della vita notturna della capitale.

L’epicentro di questo antico “Red Light District” è la Rua Nova do Carvalho, una via con l’asfalto dipinto di rosa shocking sulla quale si affacciano vari locali insoliti e originali dove si può assistere a spettacoli di burlesque, bere un cocktail il cui nome scandalizzerebbe una buona madre di famiglia (come il “puta fina”- “puttana elegante”), assaporare stuzzichini portoghesi fra un bicchiere e l’altro o ascoltare un nuovo gruppo musicale dal vivo.

Sull’asfalto rosa la notte è comune, sensuale e originale, ma allo stesso tempo multiforme e cangiante. Emblematico il locale Pensão Amor, un antico hotel a ore, nelle cui camere si avvicendavano prostitute e marinai, che è stato trasformato in uno spazio eclettico in cui si trovano l’uno accanto all’altro, una libreria erotica, un negozio di abbigliamento intimo sexy, un barbiere (Facto Fetish) che taglia i capelli a “studenti, marinai e passanti” e un bar artistico. Nell’affollato caffè si può fare un po’ di tutto: contemplare i dipinti sul soffitto, che imitano quelli della Cappella Sistina, o bere un cebiche peruviano e un buon bicchiere di vino.

Bairro Alto: il primo bicchiere
Un quartiere popolare come pochi e senza alcun dubbio il punto d’incontro ideale, ormai da molti anni, per bere il primo bicchiere della serata. Nelle affollate vie di questo quartiere di Lisbona, la tradizione comanda che si ordini una caipirinha o una caipirosca e la si beva in mezzo alla strada, godendosi la temperatura mite (anche quando fa freddo, il rito si compie ugualmente con un rigore matematico).

Nella Rua da Barroca, il Clube da Esquina (Rua da Barroca 30-32), un bar di culto, serve, a quanto si dice, i migliori cocktail mojitos della città.

Oltre a caipirinhas e buona musica, il Bairro Alto offre altre attrazioni che animano le calde serate: varie boutique di designers e “concept stores” aperti sino alle ore piccole.

Per le serate estive, nulla di meglio che una terrazza panoramica di uno degli alberghi della zona, come la Esplanada BA dell’ Hotel Bairro Alto, dalla quale si gode una splendida vista sulla città con il Tago sullo sfondo. La veduta è così straordinaria da essere stata considerata la quarta migliore al mondo, fra quelle che si ammirano dalla terrazza panoramica di un hotel.

LX Factory, la Lisbona hipster
È la nuova mecca della cultura alternativa e bohemién di Lisbona, il locale prediletto di intellettuali, artisti e di tutti quelli che cercano qualcosa di originale e diverso. Sotto il ponte 25 de Abril, nel quartiere di Alcântara, gli edifici che nel XIXº secolo costituivano una delle aree industriali più importanti della città (dove c’era la sede della Companhia de Fiação e Tecidos Lisbonense) sono stati trasformati in una vera e propria fabbrica di nuove esperienze.

Battezzata LX Factory (LX è la sigla di Lisbona) comprende 23.000 m2 di locali, sino a pochi anni fa abbandonati, nei quali si fondono perfettamente la creatività e lo spirito industriale dell’area. Durante il giorno, è una zona  palpitante piena di negozi, caffè, ristoranti, atelier di artisti e uffici di imprese. La notte, invece, catalizza le tendenze più all’avanguardia e le sonorità più alternative. Non aspettatevi decorazioni raffinate, qui predominano lo stile decadente e quello industriale.

Il locale del momento è il Funky (Edifício H), aperto di recente da una delle figure storiche della notte di Lisbona, Hernâni Miguel, dove si può bere un buon bicchiere e ascoltare i migliori DJ.

Alfama, l’esperienza del fado in versione moderna
Non c’è nulla di più portoghese che il malinconico e profondo canto del fado, nato, a quanto pare, in una taverna del quartiere di Alfama. Era il XIXº  secolo e le note nostalgiche e dolenti di una musica che cantava il disamore e la saudade si sono trasformate in un simbolo del Portogallo. Al giorno d’oggi, il fado è inseparabile dall’essenza di Alfama ed è proprio qui fra vicoli, selciati e palazzi moreschi scalcinati che si trovano i migliori locali dove ascoltarlo.

In tempi recenti è apparsa una nuova generazione di casas de fado che, senza tradire l’essenza di questa musica popolare, ne offrono un’esperienza più aggiornata, di qualità migliore e molto più divertente. Questi santuari del fado sono sempre più frequentati dagli stessi abitanti di Lisbona e da artisti e giovani professionisti che desiderano riscoprire una parte importante dell’anima portoghese.

Uno dei nostri preferiti è il Sr. Fado (Rua dos Remédios 176, Alfama), di proprietà della cantante di fado Ana Marina e del chitarrista Duarte Santos. Qui si può assaporare una fantastica cucina tradizionale, mentre si ascolta dell’ottimo fado. Ambiente familiare, ospitalità  e l’atmosfera giusta per comprendere meglio la cultura portoghese.

Avenida 24 de julho e Santa Apolónia, l’ora del Clubbing
Dagli anni 90 Lisbona gode di una meritata reputazione come una delle città all’avanguardia per quanto riguarda il clubbing. La città offre una vasta scelta di locali che propongono sonorità lounge, house o musica elettronica. La Avenida 24 de Julho e Santa Apolónia sono i punti caldi del “dancing” più moderno della capitale.

A Santa Apolónia si trova il Lux, che da anni è in vetta alle classifiche europee delle discoteche più rinomate. E se c’è qualcosa che non manca a questo locale sono i titoli: uno dei proprietari è l’attore John Malkovich ed è stato visitato, fra gli altri, da star del cinema e della musica come Cameron Diaz e Prince. Arredamento di stile funky e retrò completano l’impressionante decorazione dell’interno che si suddivide in due aree abbastanza diverse: al piano inferiore, rinomati DJ, che mixano la musica più recente,  assicurano il divertimento e il ritmo giusto per chi balla; al piano superiore l’atmosfera è più rilassata, ideale per bere un bicchiere in buona compagnia. La fila all’entrata e una selezione rigorosa dei clienti sono gli unici inconvenienti di quello che è probabilmente il locale più emblematico della vita notturna di Lisbona.

Nella Avenida 24 de Julho, va segnalata la discoteca “Main” che ha sostituito la mitica "Kapital", durante più di vent’anni la regina delle discoteche di Lisbona. Pubblico giovane (dai 20 ai 30 anni) e dei fine settimana intensi in un locale ristrutturato con vari spazi e ambienti.

Príncipe Real: la movida gay di Lisbona
Il Portogallo, nel 2010 è stato il sesto paese europeo a riconoscere il matrimonio fra persone dello stesso sesso. Da allora, la capitale celebra con entusiasmo il suo “orgoglio gay” , inaugurando vari locali dedicati a questo pubblico specifico, una comunità che lascia il segno nel mondo dell’arte e in quello professionale, e creando un’atmosfera che saluta con effusione la tolleranza e il rispetto. Secondo alcuni, Lisbona è già diventata una delle principali mete della comunità gay.

La zona di Príncipe Real, dove di recente sono apparsi vari locali destinati a questo pubblico, è il punto nevralgico della nuova “movida” nella città. Una delle vie adiacenti alla piazza, la Rua Cecílio De Sousa, è stata ribattezzata la “Chueca” di Lisbona.

Proprio in questa via si trova la discoteca “Construction”, che si rivolgeva originariamente soprattutto al pubblico noto come “Bears”, ma che ha riscosso un grande successo presso tutta la comunità gay ed è ora frequentata da una clientela diversa ed eterogenea.

LA NOTTE A PORTO
La rinnovata offerta notturna della città di Porto rappresenta una combinazione perfetta fra l’entusiasmo travolgente dei suoi abitanti per l’arte e il design e i ritmi frenetici di una notte palpitante e interminabile. Nell’antica città sul Douro la notte è effervescente, magica e soprattutto vissuta in società. Qui non vi sentirete mai da soli, gli abitanti di Porto si sono conquistati una meritata reputazione di persone ospitali e nottambule,  e sono sempre  pronti a rivelare i segreti di una delle vite notturne più eccitanti del Portogallo.

Baixa, la più recente rivoluzione notturna.
Questa zona era stata sino a pochi anni fa completamente ignorata e dimenticata dal popolo della notte, ma negli ultimi tempi si è trasformata in uno dei luoghi più vivaci dopo il tramonto. La Baixa, nel centro storico, con monumenti cosi rappresentativi come la Stazione ferroviaria di S. Bento o la Torre dos Clérigos, è al giorno d’oggi l’epicentro della vita notturna di Porto, grazie all’impegno di un gruppo di artisti e di imprenditori decisi a dare un nuovo volto a questa zona storica.

La vita notturna gira attorno a due vie parallele, la Rua Galeria de Paris e la Rua Cândido dos Reis. In entrambe ci sono decine di locali frequentati da chi desidera bere il primo bicchiere della sera: vari tipi di caipirinha, cocktail a base di Porto o semplicemente una Super Bock (la birra della città di cui vanno molto orgogliosi i suoi abitanti) sono le bevande preferite dalla gente del posto. Uno dei bar più popolari, il Bar Baixa (Rua Cândido dos Reis, 52), ricrea un’atmosfera parigina,  bohemién, elegante e sensuale, e serve il Cosmo Porto, una saggia combinazione di Porto, cointreau e succo di frutti rossi che la clientela adora.

Mentre la notte avanza, la musica si fa più raffinata, reggae, house, o elettronica, e le piste di ballo iniziano a affollarsi. Non c’è bisogno di allontanarsi troppo, vari locali della zona propongono delle programmazioni che coniugano perfettamente musica e  arte. Uno dei più frequentati è il PLANO B- (Rua Cândido dos Reis 30), che occupa gli spazi di un’antica fabbrica tessile ed è uno dei club più all’avanguardia di Porto. È stato inaugurato nel 2007 con una finalità esplicita: creare un nuovo polo di animazione e cultura nella Baixa. Presenta una decorazione retrò, ed è suddiviso in due aree. Al piano superiore c’è una sala per mostre d’arte e un caffè con connessione wi-fi, mentre al piano inferiore si trovano varie sale per spettacoli musicali, di vario genere, e per altre espressioni artistiche.

Ribeira, l’anima di Porto
Con l’amalgama di selciati medievali, palazzi decadenti color ocra, e l’atmosfera popolare, la Ribeira, il quartiere bagnato dal fiume Douro, è l’immagine più fotogenica di Porto e uno dei luoghi più affascinanti della città. L’UNESCO ha classificato questa zona come patrimonio dell’umanità, e non c’è nulla di più bello che sedersi in una delle varie terrazze panoramiche, al tramonto e sorseggiare un buon bicchiere di vino (di preferenza un calice di Porto) mentre si osservano le barche che scendono lentamente il fiume, passando sotto l’impressionante ponte D. Luis I, opera di un discepolo di Gustav Eiffel, che porta a Vila Nova de Gaia.

La Ribeira è il posto ideale per cominciare la serata, entrando in uno dei numerosi bar che si affacciano sul fiume. Il Wine Quay Bar (Muro dos Bacalhoeiros, 111 e 112), che offre una magnifica veduta sul Douro è, secondo il sito Trip Advisor, il bar-ristorante più popolare di Porto. Gestito da Filipa Fernandes, discendente della famiglia che lo possiede da più di cento anni, il locale coniuga la tradizione familiare e un’idea innovatrice, di origine inglese, chiamata “wine by the flight” che permette di assaggiare tre vini locali differenti.

Girando di notte, si scoprono, nascosti in luoghi improbabili o in piazze apparentemente deserte, locali che rimangono aperti sino a tardi, e la verità è che sebbene la Ribeira sia il posto indicato  per quelli che vogliono cominciare presto la serata, sono apparsi ultimamente dei locali destinati a chi desidera concludere la nottata sulla riva del mistico Douro, come l’ ANIKI BOBO (Rua de Fonte Taurina 36-38). Un locale raffinato di musica e cultura alternativa, all’interno di un palazzo del XVIIº secolo, e suddiviso in tre aree che presentano altrettante atmosfere differenti. Il nome curioso riprende il titolo di un famoso film portoghese degli anni 30. La clientela che lo frequenta è eclettica e si tratta senz’altro di uno dei locali più interessanti della vita notturna di Porto.

Foz do Douro, ballare fino all’alba davanti all’ Oceano
Questa zona esclusiva di Porto ha un’atmosfera “cool” e rilassata in virtù della splendida posizione in cui si trova, proprio nel punto dove il fiume Douro sbocca nell’ Oceano Atlantico. Qui c’è il Forte de São João Baptista, costruito nel XVIº secolo per proteggere l’accesso dal mare alla città. Piena di boutique, di taverne senza tempo, dove si può mangiare dell’ottimo pesce, di ristoranti moderni e di bar “chill out”, che servono stuzzichini a qualsiasi ora del giorno, la Foz è rinomata anche perchè vi si trovano alcune delle più prestigiose discoteche della città. È la zona dove vanno gli amanti della notte sempre alla ricerca di un ambiente piacevole e di musica per ballare fino alle prime luci dell’alba.

Uno dei locali di culto, da più di quindici anni, è la discoteca Indústria, nella Avenida Brasil 843. Recentemente ristrutturata, attrae ogni fine settimana una media di 1000 persone che ballano senza sosta al ritmo della musica di rinomati DJ portoghesi e stranieri.

Matosinhos e la Zona Industriale di Porto: la nuova onda
La vicina città di Matosinhos, è un altra sosta amata dai nottambuli, per i  quali la notte finisce solo quando il sole sale all’orizzonte. Anche se per raggiungere questa zona dovrete prendere l’auto o un taxi, la mezz’ora di viaggio sarà ampiamente ricompensata dall’offerta diversificata di discoteche. Atmosfere varie (le serate a tema sono la specialità del posto, e le Ladies Night, in cui le donne non pagano, sono fra le più popolari) e una clientela eterogenea, anche se predomina il pubblico universitario.

Uno dei punti di riferimento della vita notturna di Matosinhos è la discoteca Estado Novo (Rua Sousa Aroso 722) progettata da Siza Vieira, uno dei maggiori architetti portoghesi, autore, fra altre importanti opere, del Museo di Arte Contemporanea della Fundação Serralves. Il locale si trova sopra un’antica fonderia di cui conserva alcune parti originali come un ponte. Serate a tema dedicate ai più giovani, o ai loro genitori, in uno spazio dove la musica elettronica condivide il palco con ritmi più rockettari.

Al di fuori del quartiere di Foz e della città Matosinhos, l’antica zona industriale di Porto si è trasformata, negli ultimi anni, in un’area di discoteche e music-bar. Sulla Avenida Fontes Pereira de Melo troviamo due locali dallo stile del tutto diverso: Movida Beach, che propone musica afro, cubana, latina e brasiliana, sempre affollato soprattutto da studenti universitari disposti a tutto; e Vogue che si rivolge a una clientela più matura (propone soprattutto musica house).


Esplora Esplora
Vedere di più
Cartina
Ricordare e Condividere
Fábio Carvalho
Intervenção Urbana Aposto, de Fábio Carvalho Azulejos de papel aplicados (...)
Kat Piwecka
Kat Piwecka Photography www.katpiwecka.pl www.travelphotographer.pl
Eventi Eventi
Vedere di più
Feste della Settimana Santa
Feste della Settimana Santa
Assistete alla Settimana Santa nell’antichissima città di Braga, nella regione (...)
Pianificazione Guarda i contenuti che hai selezionato e crea il Piano o la Brochure
Effetua il login attraverso le reti sociali
Effetua il login attraverso le reti sociali