www.visitportugal.com

Live Chat

Museu Nacional dos Coches

Museu Nacional dos Coches
Museu Nacional dos Coches

Musei e Palazzi

Creato su iniziativa della regina D. Amélia de Orléans e Braganza, sposa del re D. Carlos I (r. 1889-1908), che lo inaugurò nel 1905, il Museu dos Coches espone una collezione eccezionale e unica al mondo di vetture reali, riccamente ornate, dal XVII al XIX secolo (carrozze, berline, carrozzelle, calessi, portantine, seggioline), utilizzate dalla Corte portoghese e dalle altre Corti europee, dal Patriarcado de Lisboa e dalla famiglie nobili portoghesi, fino alla comparsa dell’automobile.

La rara carrozza da viaggio di Filippo II (della fine del XVI secolo) e le tre monumentali carrozze che facevano parte della sontuosa ambasciata inviata dal Portogallo a Roma da papa Clemente XI (1716), con iconografia a rilievo dorata che glorifica le Scoperte, sono alcuni dei pezzi più notevoli di questa collezione unica.

Il Museu dos Coches (Museo delle Carrozze) si divide tra il nuovo edificio di Belém, l'antico Picadeiro (maneggio) del Palácio Real, entrambi nella Praça Afonso de Albuquerque, in Lisbona, e il Paço Ducal di Vila Viçosa.

Il nuovo edificio del Museu dos Coches (Museo delle Carrozze), inaugurato a maggio 2015, presenta il nucleo più rappresentativo della collezione e sorge a Belém come un centro culturale, ma anche come un luogo pubblico che occupa l'area dove erano situati gli antichi Uffici Generali dell'Esercito. Secondo le parole dell'architetto che lo ha progettato, Paulo Mendes da Rocha, Premio Pritzker, “il museo non ha porte ed è unito da tutte le parti”. Più che un museo, il progetto funziona come un'infrastruttura urbana che offre “spazio pubblico” alla città e ha dato risposta alla necessità di ingrandire l'area espositiva del museo e della sua infrastruttura tecnica di appoggio, e di creare nuove attrattive per il pubblico, poiché è il museo più visitato del Portogallo. L'edificio è costituito da un padiglione principale sospeso e un edificio annesso collegato da un ponte, che permette la circolazione tra i due blocchi, la cui disposizione spaziale crea una specie di portico che si affaccia a una piazza di libero accesso.

Il Nuovo Museo include spazi per un'esposizione permanente e temporanea, aree di deposito e un laboratorio di conservazione e restauro che contribuirà allo sviluppo della conservazione e del restauro di questo tipo di patrimonio. Possiede anche nuovi spazi destinati alla Biblioteca, all'Archivio, oltre a un Auditorium per 330 persone, area ristorazione e negozio.

Il Picadeiro del Palácio Real, inizialmente convertito in museo dall'architetto Rosendo Carvalheiro e, successivamente, da Raul Lino, è uno spazio interessante e rappresentativo del XVIII secolo, dove si distinguono le opere di José Malhoa e Conceição e Silva, due importanti pittori portoghesi.

Nelle antiche scuderie del Paço Ducal, a Vila Viçosa, esiste un altro nucleo museologico del Museu Nacional dos Coches, ottimo pretesto per visitare questa città dell'Alentejo.

Contatti

Indirizzo:
Praça Afonso de Albuquerque
1300-044 Lisboa
Telefono:
+351 21 361 08 50
Fax:
+351 21 363 25 03

Negozi
Visite Guidate

10h00 - 18h00 (ultima chiamata 17h30) - da Martedì a Domenica Chiuso: Lunedì e giorni festivi (1 Gennaio, Domenica di Pasqua, 1 Maggio, 25 Dicembre)


Calcolare
É necessário seleccionar um ponto de partida.


Esplora Esplora
Vedere di più
Cartina
Ricordare e Condividere
yukie sugiura
ギマランイスからブラガに行く途中の山道、場所は分かりませんが、とても惹かれた場所でした
CYNTHIA ADINA KIRKW
Three years ago, my husband, Huw, our son, Caladon and I packed pots and (...)
Eventi Eventi
Vedere di più
MEO Out Jazz
MEO Out Jazz
Da maggio a settembre la musica invade i giardini di Lisbona!Il sabato e la (...)
Ricerca avanzata
Pianificazione Guarda i contenuti che hai selezionato e crea il Piano o la Brochure
Hai dimenticato la password?
Effetua il login attraverso le reti sociali
*Attendere, per favore. *Le istruzioni di recupero password ti saranno inviate via e-mail. *E-mail non inviato. Tenta di nuovo.
Effetua il login attraverso le reti sociali